settembre 7, 2019 0 Comments Senza categoria

Stappare, versare, degustare

STAPPARE, VERSARE, DEGUSTARE

Sono semplici strumenti, ma sono innegabilmente utili per una degustazione ottimale. Dalla fase di apertura, a quella di degustazione, grazie a loro è possibile esaltare con pochi gesti la qualità del vino che ci si accinge a bere.

Stappare

Rimane sempre una buona regola cercare di danneggiare il meno possibile il tappo della bottiglia, anche se ormai il rischio di alterare il vino a causa dei residui di sughero caduti all’interno è vanificato dai nuovi materiali utilizzati al posto di quello tradizionale.

Uno strumento professionale che unisce alla qualità del funzionamento un’estetica modernissima è il cavatappi proposto da Metrokane, “The wing machine”. Completamente trasparente (e gli ingranaggi interni sono visibili), è dotato di un dispositivo di tiraggio completamente nuovo. Provvisto di blocco automatico, non danneggia mai il sughero grazie alla potenza della doppia leva che riesce a sollevare il tappo senza difficoltà. I fermi inoltre sono regolabili e si adattano con facilità a bottiglie di ogni formato.

Per i nostalgici degli strumenti più tradizionali che non vogliono rinunciare alla qualità del servizio, L’esprit & le vin ha pensato di proporre un cavatappi a lame, realizzato in peltro massiccio. Brevettato negli Stati Uniti addirittura nel 1879, questo cavatappi era stato studiato per rovinare il meno possibile il sughero nella fase di estrazione: all’epoca infatti questo era un materiale raro e prezioso e il tappo che non subiva troppi danni poteva essere riutilizzato nuovamente. Oggi questa attenzione torna utile per le bottiglie molto invecchiate, in cui i tappi possono essersi deteriorati e possono sfaldarsi facilmente. Si inserisce ogni lama tra il tappo e il collo della bottiglia. In seguito, basta tirare l’impugnatura girando.

Ossigenare

Una volta scaraffato si deve di norma lasciar respirare il vino per un certo periodo di tempo, affinché si compia un’adeguata ossigenazione. In questo processo ci si può servire dell’areatore, uno strumento molto utile che si inserisce all’imboccatura del decanter. In peltro massiccio brillante, questo accessorio è indispensabile per areare i vini giovani rossi o bianchi. La sua vite di dispersione facilita una grande diffusione del vino sulla parete della caraffa, accelerando l’ossigenazione e aiutando l’emersione di aromi e profumi.

Degustare

Per finire, il calice più adatto. Il bicchiere Taster è stato studiato con cura nella forma per offrire il massimo delle percezioni aromatiche in un minimo tempo. Realizzato a mano, è utilizzabile per ogni tipo di vino e alcool: la presa viene assicurata da due rientranze per le dita (una al centro della base, completamente piatta, una sulla parete), ed il bicchiere è predisposto per concedere al vino la più ampia superficie di dispersione.

Anche questi ultimi due articoli fanno parte della collezione di L’esprit & le vin.

ALTRI ARTICOLI CORRELATI:


Share: