novembre 13, 2019 0 Comments Senza categoria

I gruppi alimentari

I GRUPPI ALIMENTARI

I glucidi : noti più comunemente come zuccheri, i glucidi costutuiscono un’importante fonte energetica, alla quale attingiamo per molte delle nostre attività giornaliere. Esistono più tipi di glucidi, generalmente suddivisi in monosaccaridi, disaccaridi e polisaccaridi. I primi sono anche detti zuccheri semplici, essendo delle molecole di zucchero, come il glucosio ed il fruttosio, entrambi presenti nella frutta, mentre il galattosio, altro monosaccaride, non è presente in alcun alimento e si forma esclusivamente durante la digestione. Lo zucchero comune, il , va invece enumerato tra i disaccaridi, così come il lattosio ed il maltosio, contenuti rispettivamente nel latte e nell’amido. I polisaccaridi sono invece i carboidrati contenuti in tutti i tessuti viventi, incluso l’ , il polisaccaride più importante e più diffuso, largamente presente nei cereali, nelle patate e nei legumi.

I protidi : sotto questo nome vanno tutti gli alimenti proteici, indispensabili per il funzionamento delle nostre cellule. Da un lato assolvono infatti ad una funzione energetica, dall’altro sono fondamentali per il corretto svolgimento dei processi metabolici. Anche gli , necessari per la trasformazione degli alimenti, hanno natura proteica. Esistono diverse tipologie di , presenti in larga misura nelle carni, nel pesce, in cereali e legumi, nelle uova e in tutti i derivati del latte.

I lipidi : sono i grassi, la cui natura può essere vegetale oppure animale. Oltre a supportare il nostro organismo nella fornitura delle calorie necessari al suo funzionamento, concorrono anche in attività strutturali e biologiche. Quelli di derivazione animale, come il burro, il lardo e lo strutto, sono ricchi di acidi grassi saturi, mentre quelli vegetali sono prevalentemente costituiti da acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, come gli oli d’oliva o di semi. Differente il loro “rapporto” con il colesterolo: mentre gli acidi grassi saturi tendono ad aumentarne il valore, i grassi polinsaturi sono benefici per la sua riduzione, prevenendo disturbi cardiovascolari. Il livello di colesterolo nel sangue non subisce invece variazioni con l’assunzione di grassi monoinsaturi.

ALTRI ARTICOLI CORRELATI:


Share: