gennaio 2, 2020 0 Comments Senza categoria

Mangiare con arte

MANGIARE CON ARTE

Arte, fotografia e cinema: il cibo è protagonista. Parma torna capitale europea del Food (3 maggio-3 giugno 2008). Apre Gnam – Gastronomia Nell’Arte Moderna con le sue intelligenti suggestioni, provocazioni e stimoli sul tema. La fotografia d’autore sarà il mezzo privilegiato per la rappresentazione del cibo e del mangiare.

Gnam

Fra humor e ironia le stampe fotografiche di grande formato di Martin Parr: un percorso per immagini che coinvolgerà l’intero centro storico di Parma. Lecca lecca colorati, muffins sorridenti, donuts “patriottici”: rappresenta un mondo cheap dove l’ordinario diventa straordinario e le immagini seriali diventano pezzi unici.

Nelle vie principali di Parma comparirà anche l’incredibile galleria “Foodscapes” di Carl Warner. Paesaggi costruiti con funghi, cetrioli, patate; i broccoli si trasformano in una rigogliosa foresta dove anche le montagne non sono altro che grosse pagnotte di pane.

Per i più piccoli “Sweet Graffiti” dell’inglese Shane Waltener: graffiti commestibili di zucchero, caramelle, dolci e glassa e una grande casa come quella della strega di Hansel e Gretel tutta da mordicchiare o leccare. Mario De Biasi, firma storica della fotografia italiana, in “Racconti d’acqua e di vita” utilizza le bottiglie verdi e i tappi rossi di Ferrarelle.

E poi una divertente serata con Laura Delli Colli. Presenterà al pubblico il suo libro “Il gusto del cinema in 100 ricette” deliziandolo con suggestioni grastronomiche e cinematografiche.

Tavola di Arlecchino

Arlecchino ovvero l’infinita tavola di colori del cibo e delle possibilità della gastronomia. Sabato 19 aprile alla Reggia di Colorno (Parma) si è inaugurata la personale di Lucio Diodati dal titolo La tavola di Arlecchino (fino al 19 maggio). Racconta il pranzo dell’abbondanza, dell’eccesso, allo stesso tempo senza appetito. Per riattivare la gola bisogna inventarsi non un sovrabbondante paese di Cuccagna, ma raffinatezze estreme, accostamenti di sapori, invenzioni per sollecitare e stimolare l’oralità che diventa così fantasia e cultura.

Autore: Matilde Bonatti


Share: